Il consulente per i gruppi  e le comunità*

Il counselling per i gruppi, per la scuola e l'educazione promuove il benessere del singolo, del gruppo, della squadra, della società sportiva, in quanto facilitatore e mediatore delle abilità individuali, interpersonali e di comunità, utilizzando le metodologie più idonee a tali scopi.

Il counselling nell'università:

Come è auspicabile al termine del proprio corso di studio ogni studente si deve inserire nelle organizzazioni e quindi si trovra a relazionarsi con tanti soggetti, capi, colleghi, fornitori, clienti, etc. E’ importante che essi comprendano che i risultati economici, così come le performance lavorative, possono essere migliorati da una buona relazione attraverso una comunicazione più efficace.
Risulta evidente che una buona formazione universitaria dovrà preoccuparsi di trasmettere non solo “sapere” ma anche “saper fare” e soprattutto “saper essere”.
Il Counselling nelle aule universitarie può aiutare a diffondere una Cultura Aziendale più ampia e sostenibile nel lungo termine.

Scarica l'intervista alla Professoressa Elita Schillaci sul Counselling nell'università

Contattami per ricevere informazioni dettagliate

Gruppi  sportivi*:

Il counselling in ambito sportivo promuove il benessere del singolo atleta, della squadra, della società sportiva, in quanto facilitatore e mediatore delle abilità individuali, interpersonali e di comunità, utilizzando le metodologie più idonee a tali scopi.
 

Il counselling per i docenti scolastici*:

La figura del Docente/Counsellor sta acquistando sempre più importanza perché nel mondo scientifico sta diventando acquisizione comune che:

  • L’insegnamento non può ridursi a trasmissione di nozioni ma deve avere come scopo aiutare ogni alunno a sviluppare la proprie capacità: diventare una struttura forte, in modo da poter inserirsi nel mondo in modo più ricco e creativo.
  • Il mentale non si risolve nella “intelligenza razionale”, ma si incarna anche nella intelligenza emotiva, corporea, fantastica, empatica, intersoggettiva, ecc. Un docente ed un alunno sono mentalmente ricchi solo se sanno muoversi bene in tutti questi tipi di intelligenze e nelle loro reciproche integrazioni.
  • L’insegnamento è una relazione intersoggettiva che avviene in un gruppo o meglio in una molteplicità di gruppi (gruppo alunni, gruppo docenti, gruppo genitori, gruppo docenti/superiori, gruppo docenti/alunni, ecc.), che creano dinamiche complesse dalla cui corretta gestione dipende la crescita mentale degli alunni.
  • L’università fino ad oggi nella formazione dei docenti ha privilegiato una formazione nozionistica/contenutistica di tipo razionale ignorando la molteplicità delle forme mentali. Ogni docente, può solo ricorrere alla sua buona volontà per sopperire ad una tale lacuna.
  • Per questo motivo ogni corso per Counsellor/Docente deve avere come scopo:
  • La conoscenza teorica ed operativa delle diverse metodologie di consulenza e della loro applicazione all’individuo ed al gruppo.
  • Nozioni di psicologia generale, evolutiva, psicologia di gruppo, ecc.
  • La conoscenza dei diversi sistemi di valore (religiosi, filosofici, antropologici…) adottati dalle diverse categorie di persone, nelle diverse situazioni o contesti sociali in cui egli lavorerà.
  • La conoscenza funzionale delle principali tecniche del colloquio e della dinamica di gruppo per una profonda e reale comprensione dell’utente.
  • La capacità di lavorare in équipe.
  • Una matura autoconsapevolezza del suo modo di relazionarsi con sé e con gli altri.

* fonte: Scuola di Psicoterapia Integrata (SIPI)